Meddle Scout – Scopriamo le nuove promesse del calcio italiano

Andrea Masiello

Nato il 5 febbraio 1986 a Viareggio (Lu)

Altezza 1.85 m

Peso 75 kg

Nazionalità: italiana

Squadra attuale: Bari

Squadra proprietaria del cartellino: Genoa

Andrea Masiello è un giovane difensore centrale italiano che attualmente gioca per il Bari.

Cresce nel vivaio della Lucchese dove arriva all’età di 12 anni, e, con la maglia della Lucchese riesce ad esordire tra i professionisti grazie a mister Osvaldo Jaconi, il quale prima lo fa debuttare in Coppa Italia, e poi lo fa esordire in serie C1 nell’incontro casalingo contro lo Spezia.

Nell’estate del 2004 Masiello passa alla Juventus che lo acquista in prestito per farlo giocare nella squadra primavera. Da subito diventa un punto fisso della squadra allenata da mister Chiarenza, che lo schiera come difensore centrale nella difesa a tre. Con la Juventus conquista per due volte consecutive il torneo di Viareggio proprio nello stadio della sua città. Per incorniciare la sua grande stagione con la squadra primavera, arriva il 20 aprile del 2005 il debutto in serie A contro l’Inter e soprattutto il riscatto dell’intero cartellino da parte della Juventus.

Grazie al suo ottimo campionato viene convocato con un anno di anticipo nell’under 19 di Berrettini che lo vuole per la fase finale degli Europei di categoria. Continua a leggere

Meddle Scout – Scopriamo le nuove promesse del calcio italiano

Alessio Cerci

Nato a Velletri il 23 maggio 1987

Peso 78 kg

Altezza 1.80

Squadra attuale: Pisa

Squadra proprietaria del cartellino: Roma

Alessio Cerci è un giovane attaccante di nazionalità italiana che veste la maglia del Pisa pur rimanendo di proprietà della Roma.

La sua carriera inizia nel settore giovanile della Roma dove fin da piccolo mette in mostra la sua eccellente tecnica di base.

All’età di sedici anni viene contattato da molte società blasonate estere che lo vogliono nel proprio settore giovanile, ma lui decide di firmare un contratto da professionista con la Roma fino a giugno 2008. Dopo essere stato con la sua squadra finalista del campionato allievi, il mister della primavera della Roma, Alberto De Rossi, decide di aggregarlo alla formazione primavera con un anno di anticipo, diventandone da subito un punto fisso.

Arriva in prima squadra nella stagione 2003/2004 totalizzando una sola presenza stagionale. Il suo debutto assoluto avviene all’età di sedici anni e mezzo, quando mister Capello lo fa entrare nei minuti finali a Marassi contro la Sampdoria. Riuscirà in totale nelle sue tre stagioni primavera a vestire per cinque volte la maglia della prima squadra.

Nell’estate del 2006 arriva la grande occasione poiché la Roma lo gira in prestito in serie B al Brescia. Nelle fila delle rondinelle però non riesce a esprimere tutto il suo valore poiché non sente la fiducia del mister e dei tifosi. Nonostante ciò riesce a totalizzare 21 presenze senza però nessun gol all’attivo poiché spesso impiegato per pochi scampoli di partita. Continua a leggere

Meddle Scout – Scopriamo le nuove promesse del calcio italiano

Andrea Consigli samb-martina-consigli.jpg

Nato a Milano il 27 gennaio 1987

Peso 80 kg

Altezza 1.89 cm

Squadra attuale: Rimini

Proprietaria del cartellino: Atalanta

Andrea Consigli è un giovane portiere italiano ed attualmente difende la porta del Rimini.

Nasce calcisticamente nel Lokomotiv Cormano,squadra giovanile milanese,ma viene acquistato da giovanissimo dall’Atalanta che ne intravede le qualità. A Bergamo gioca due campionati Primavera dal 2004 al 2006,arrivando piu’ volte alle fasi finali anche grazie alle sue spettacolari ed importanti parate. Nel 2005, dopo l’ennesima finale conquistata con la squadra bergamasca, Consigli finisce sul taccuino di molte società blasonate italiane ed europee. Nonostante ciò decide di ricompensare la fiducia dell’Atalanta rinnovando il proprio contratto con la società lombarda fino al 2010, come lui stesso ha affermato in un’intervista: “sì, lo confermo, sulle mie tracce c’erano anche società di levatura internazionale. Ma io sono contento di restare a Bergamo, dove sono arrivato a 7 anni, maturando sotto la guida di tecnici preparati come Messina, Biffi, Malizia in prima squadra e Resmini attualmente nella Primavera“. Continua a leggere