Corri, bandido Meddle !! www.meddle.tv

popo3popo2

Ancora siamo a metà dell’opera.. Tanti contenuti da inserire, molto lavoro da montare, sorprese da vedere.. Il bandido si muove, altra strada vuole cavalcare.. Come sempre: brutto, sporco e cattivo !!!

Si vocifera che la prossima sosta sia quì

popo11adattarsi-logora

Annunci

Associazione Culturale MeddleTv

L’undici settembre duemilaotto (11/09/2008) è nata l’ASSOCIAZIONE CULTURALE MeddleTv la cui sede è in Via Macerata n. 7(Rm).

L’associazione è apolitica, non ha scopo di lucro ed ha per scopi principali:

ampliare la conoscenza della cultura cinematogafica, musicale, letteraria ed artistica in genere, attraverso la valorizzazione di persone, enti ed associazioni;

proporsi come luogo di incontro e di aggregazione nel nome di diversi interessi culturali assolvendo alla funzione sociale di maturazione e crescita umana e civile;

promuovere l’ideazione, la realizzazione e la proiezione di prodotti audiovisivi e strumenti di comunicazione e informazione indipendente.

I consiglieri eleggono: il Dott. Alessandro Dionisi alla carica di Presidente, il Dott. Marco Vitale alla carica di Vicepresidente ed il Dott. Fabio Orecchini alla carica di Responsabile Organizzativo, i quali dichiarano di accettare la carica.

Lidia Riviello, modernissima Alice

di Fabio Orecchini

e Meddle tv

[via Omero.it]


La critica della contemporaneità, come cardine e come necessità di una nuova poesia civile, assume nei testi della poetessa Lidia Riviello un carattere ibrido di critica e trasformazione del linguaggio, del linguaggio del potere, sia esso burocratico, mass-mediatico e pubblicitario non importa; non si tratta di analizzare il feticismo delle merci di Marxiana memoria, né tantomeno di riflettere ancora sulla degradazione umana dell’essere in avere, ma di illuminare il lettore sulla passività e la contemplazione silenziosa che caratterizza l’attuale condizione dell’uomo, che assiste inerme ad “un discorso ininterrotto che l’ordine presente tiene su se stesso, il suo monologo elogiativo” per citare il Debord della Società dello spettacolo; la mercificazione di ogni aspetto della vita quotidiana, per la poetessa, deve essere analizzata linguisticamente nel suo farsi, nel suo ricrearsi di slogan e marke(t)ing pubblicitario, poiché questo fruscio della lingua che muta e si moltiplica a 4 – 8 – 16 mega di velocità di connessione (a seconda di quanto tu sia disposto a spendere) genera nuove e spesso riciclate forme di pensiero, modi di esistere, meditate mediatiche forme di (in)coscienza individuale e collettiva. Ed ecco alcuni versi: “Come se Anno Ottanta tutt’intero senza forma e ci ritrovammo / a bere coca cola, l’elettronica scosse l’anima / il canto stonò e i metalmeccanici si estinsero come / antilopi..” e ancora: “Quali poesie se il cosmo resiste/ e il conflitto anche e il Bacardi Breezer / non dovrei neanche nominarlo / chè nella poesia la pubblicità / trova le sue ragioni superiori / la prova d’esistere al di là / della scadenza, del rovinoso consumo”.

La scelta del “luogo della poesia” di Lidia Riviello per [A]live Poetry è senz’altro radicale, poiché si oppone in maniera netta al concetto di non-luogo espresso negli anni novanta dall’antropologo francese Marc Augè: egli definisce i non luoghi, in contrapposizione ai luoghi antropologici, come tutti quegli spazi che hanno la prerogativa di non essere identitari, relazionali e storici, spazi in cui milioni di individualità si incrociano senza entrare in relazione, prodotti della società della surmodernità come aeroporti, autostrade, campi profughi e grandi centri commerciali; la poetessa vede invece, proprio nel centro commerciale, luogo scelto per raccontare la sua poesia, un luogo assolutamente storico ed identitario, in cui le comunità periferiche si riformano ricreando continuamente le proprie strutture linguistiche, culturali e sociali; tecnicismi e situazioni da cui la poesia non può non essere contaminata. Ancora alcuni versi: “Il meccanismo del consumo / declinava al femminile, / luna piena percorsa a piedi / Era il momento della produzione /che contava, quello delle patate pallide, / del neon ingentilito / dal modello unico. /Era un momento visibile e materno / fino al digiuno completo.”

E la poesia, quindi, che può fare, anzi, cosa deve fare? Occorre per Lidia Riviello partire proprio dalla carica satirica della poesia, dal suo porsi al di fuori delle logiche di mercato e di potere, condizione che le permette allo stesso tempo di penetrare, indagare, e rivelare quelle stesse logiche. Dissacrare, occorre ridere del potere. In un suo intervento su Nazione Indiana (Variazioni Meridiano), la poetessa, partendo da una citazione di Maximilien Robespierre sulla pena di morte, poi afferma: “..in realtà Maximilien sa che fa più paura la Poesia, del Terrore, perché questa, mentre si rivolge direttamente ad un dittatore, gli urla contro le bestemmie alte e irripetibili delle donne e dei bambini, e lo rovescia subito, non gli concede tempo. Prima che si rimettano in gioco le gerarchie e le priorità del sistema politico dominante, la poesia capovolge, sostituisce, allestisce la sua sintassi dissacrante durante tutte le fasi di montaggio delle parti in causa. Quando una società è debole, non sa in quale discarica culturale mettere a riposo i poeti, quando ci chiedono di diventare muti e sconfitti, oggetti lamentosi, sacrali e patetiche vittime della macchina di consumo e di rivendita dei linguaggi, la poesia diventa una sorprendente verifica degli usi e degli abusi di questo ingranaggio rivelando, nelle invenzioni del linguaggio e nel lavoro di riportare alla luce i reperti originali di una genesi dimenticata, l’allarmante illusione di durare dei sistemi di mercato, dove i mercanti fanno il mercato e i mercati il mercante.

E così tra citazioni, détournement, file per prendere l’ostia al Mcdonald’s, satira, fumetto e pop-art, vi invitiamo alla visione di questo viaggio con Lidia Riviello, modernissima Alice in una Sunday morning qualsiasi nella Wonderland del Nuovo Piano Regolatore di Roma. Buona visione.

Vodpod videos no longer available.

…é arrivato il quarto video di [A]live Poetry…

Dopo una lunga attesa è pronto il quarto video di [A]live Poetry, la rubrica a cura di Fabio Orecchini. Intanto lo potere trovare sul sito di “O” la rivista di Omero e prossimamente anche sul nostro blog.

“E così tra citazioni, détournement, file per prendere l’ostia al Mcdonald’s, satira, fumetto e pop-art, vi invitiamo alla visione di questo viaggio con Lidia Riviello, modernissima Alice in una Sunday morning qualsiasi nella Wonderland del Nuovo Piano Regolatore di Roma. Buona visione“.

[A]live Poetry.. e siamo a tre..

Su Omero.It la terza puntata di [A]live Poetry: Duale. A breve anche sul nostro blog.

[A]live Poetry – 1. Giulio Marzaioli

“O” La rivista di Omero presenta [A]live Poetry. La nuova rubrica che da spazio ai giovani poeti contemporanei. Rubrica a cura di Fabio Orecchini con l’assistenza di Pia Rutigliano, prodotto da Meddletv. Dal sito di Vimeo èora possibile anche il download aprendo un semplice account!! La prima puntata è con Giulio Marzaioli.

Per info e contatti alivepoetry@hotmail.it

Buona Visione!

Vodpod videos no longer available. from www.vimeo.com posted with vodpod