A Bi Ci – Piccoli dettagli di un documentario

abc4abc5abc7

PICCOLI DETTAGLI DI UN DOCUMENTARIO

Recensire il proprio documentario sarebbe inappropriato..ma ricordarsi particolari e scriverli sul web credo sia un modo di rendervi partecipi (spero) a ciò che meddletv pochi mesi fa ha realizzato. Rimandandovi alla visione del dvd A-Bi Ci per saperne di più della parte tecnica e sul progetto ecotaxi, raccontato da due protagonisti con un volto cinematografico come pochi altri (Chiara e Corrado), penso quanto sia stato importante ed educativo seguire questi ragazzi che lavorano dalla mattina alle 10 fino a sera inoltrata (anche di domenica), soprattutto in una città presa sotto assedio da nevrosi post-automobilistiche. Ricordo quanto è stato affascinante essere accolti serenamente, con il sorriso sulle labbra e senza quegli sguardi spesso maliziosi, pregiudizievoli e di autodifesa che ostentano a trasmetterti trasparenza.

abc44abc41abc37

abc32abc17abc19

La città è nel caos, ma in Via del Gazometro regna la pace, ti torna la voglia di un bella fetta di pizza bianca con la mortadella, parli di tutto e con tutti senza controllare quelle lancette dell’orologio che si raddoppiano nell’immaginario comune. Cosa intendo per pace? Fare un documentario presuppone fatica, freddo, caldo, sclero, pacche sulle spalle, ma alla fine ti accorgi che hai conosciuto persone che, giustamente, quando ti sei presentato erano diffidenti su di te, come d’altra parte tu lo eri con loro.. In mente hai l’idea di partenza e il terreno lo devi spianare. Mi ritorna spesso in mente ancora la prima volta che entrai in Via del Gazometro e conobbi Corrado Scimia: suonava una pianola, fumava una sigaretta dietro l’altra ed aveva la barba lunga.. Dentro di me dissi: “questo è il mio uomo (non fraintendete), la persona giusta per instaurarci rapporto d’amicizia e professionale”. Insomma mi è rimasto subito simpatico !! Quando hai dato avvio a quell’amicizia e ti viene spontaneo offrire un caffè a Chiara o fartelo offrire e leggere il giornale con Domenico perchè è il più pigro del mondo e tu in quel momento non hai voglia di fare nulla … è fantastico!! Mi ha interessato e fatto ragionare vedere ragazzi che portano la propria bicicletta e non vengono accolti dai soliti meccanici che, dopo aver battuto le ciglia la prima volta facendo un lungo respiro, ti sparano il primo preventivo. Per concludere, è stato bello osservare che gli stessi ragazzi che devono riparare la bici aiutano Chiara e Guido . Sono questi gli istanti che riprendi con la tua telecamera non accorgendotene o credendo che sia un eventuale materiale da backstage. Solo dopo noti che i piccoli dettagli di una vita intima sono più importanti del resto e fanno parte di una storia che vuoi raccontare. Una storia di chi nella propria vita ha fatto moltissimi sacrifici ed ora ha un progetto che coltiva ed accudisce come una pianta affinché cresca bene e dia frutti. Oggi 14 novembre a tre mesi di distanza dal nostro ultimo ciak (che, in realtà, non sono mai esistiti), mi fa piacere ricordarli e fare loro un grandissimo in bocca al lupo.

Alessandro Dionisi

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: