I politici corrono al cinema

re-per-una-notte.jpgcaimano.jpg

Ieri sera avevo un impegno con un mio amico per andare a fare delle riprese sulla prossima l’uscita del documentario “La mia vita è stata una corsa”, pellicola che tratta dell’esilio di Bettino Craxi di alcuni anni fa.. L’idea non certo stuzzicava il miei interessi, ma poi ripensandoci ho deciso di andare: alla fine i documetari se posso li vado a vedere con piacere. Facendo una piccola ricerca su Internet abbiamo letto che avrebbero partecipato il Cavaliere e Veltroni. A quel punto ho cominciato a soffrire pruriti dappertutto, mi è tornata l’acne e fuori faceva freddo più del solito… Insomma non volevo muovermi dal pc ed avrei acquistato 10 pacchetti di figurine della Panini per completare l’album a cui tengo tanto.. Ma poi con Andrea, mio compagno di avventure (e spesso di sventure o come le chiamiamo noi sfighe), decidiamo di muoverci perchè l’impegno lo avevamo preso.
Casomai, pensavamo, se ci fossimo annoiati- cosa probabilissima- ce ne ne saremmo andati subito… E così partiamo con le nostre telecamere e il nostro cavalletto. Nella testa mi frullavano anche alcune domande da fare alla figlia di Craxi, tipo: “Se domani venisse invitata in una scuola per un seminario sulla democrazia ed un ragazzo di 15 anni, che non ha conosciuto attraverso i media suo padre, le chiedesse di descrivere la figura di Craxi uomo e Craxi politico quali prime parole pronuncerebbe? “; oppure “se Bettino Craxi fosse interessato alla televisione..”, ed infine, rimanendo in argomento, se “preferiva qualla pubblica o privata..” quest’ultima suggeritami da Andrea. Non mi interessava sapere della politica, del governo, della magistratura, di Tangentopoli, del Pil nazionale. Avrei voluto conoscere l’uomo davanti alla tv, con pantofole e una buona tazza di caffè caldo…
Arrivati di fronte al cinema e tre banche nel quartiere Parioli, ad apettatere gli invitati c’era tanta, ma dico tanta polizia, moltissimi vigili, transenne divisorie, carabinieri, donne e uomini alla finestra e bandiere di Forza Italia. Si erano dimenticati le pannocchie e le castagne. Un peccato.
“Madonna” ho pensato, “hanno mobilitato tutte queste forze dell’ordine per la presentazione di un documentario?”
Ce ne volevamo andare, ma poi la curiosità non ha desistito..
Però gentili lettori e gentili lettrici è quì che devo deludervi, poichè il resto è cosa vista tutti i giorni. Pensate per un attimo al Grande Fratello, al Festival del Cinema o semplicemente ad un centro commerciale alle ore 16 in un qualsiasi sabato nella città. Abbiamo visto questo, anzi peggio..

Aggiungeteci tante luci accese, giornalisti che si spingevano e richiamavano il sorriso di questo e quello, non sapendo in realtà poi chi fosse l’uno nè l’altro. Tutti sono arrivati al momento giusto, sfilando come in una passerella di Miss Italia presentata da Fabrizio Frizzi e mostrando, dato poco allegro in una serata che di allegro aveva solamente l’autobus passato in orario, sorrisi meccanici. “Sembrano robot, comandati a distanza“, avremmo detto fino a qualche anno fa… Oggi non più. Secondo me, tutti questi uomini e donne da prima pagina di giornale hanno perso il barlume della coscienza (un poco forse qualche anno fa lo avevano chissà…) e sono oramai pienamente integrati in uno spettacolo voluto, di cui sono loro le prime vittime e non i trionfatori di un premio artefatto mai esistito.

Ma forse penserete: questo stà parlando di Silvio Muccino, Francesco Totti, Simona Ventura, Bettarini e Briatore. No, al contrario : vi parlo di Forlani, Letta, Lamberto Dini, Carraro (immancabile), La Russa e&co. Insomma della classe politica che fino a cinque minuti prima stava facendosi le corna e improvvisava malori in quel del senato. Ancora mancava Lui, si, dico proprio lui: la star, il Truman show della serata !!. Non si è fatto attendere non vi preoccupate. Il cavaliere è arrivato alla fine, come copione volesse…
Ma ciò che più mi ha lasciato perplesso è stato l’atteggiamento dei giornalisti e degli operatori televisivi (non tanto dei fotografi): ci si può incazzare perchè apprendi in quell’istante che il Tuo governo è crollato, fai il catastrofista per alcuni minuti fino al prossimo ciak (quello per miss sessantenne, moglie del politico settantenne seduto al calduccio in parlamento), rivendichi di essere perseguitato da un sistema che porterà alla rovina l’Italia e poi come t’arriva di nuovo il politico telegenico (colpo di tosse, scusate..) e ti prostri a cheidergli di fare un sorriso?
Urli quel sorriso come se per te fosse questione di vita o di morte; rimarrebbe addosso te un senso di colpa, se non lo ottieni, alla stregua di una punizione che il prete della parrochia quando eri bimbo ti ha appena dato dopo avergli raccontato della tua prima masturbazione. Allora cosa fai giornalista? Glielo richiedi ancora e poi ancora.. Se parlassimo ora io e te, probabilmente mi risponderesti che è il tuo mestiere, ed io ti ripeterei che se continui a vivere nel doppio (e non solo tu sia chiaro) un giorno potresti diventare folle…
Per quanto concerne gli operatori, ci sarebbero pagine da scrivere e litri d’ichiostro da consumare ( come si diceva un tempo..).. Però mi ha nuovamente allibito questo loro lavoro così meccanico e il disinteresse di saper chi avrebbero ripreso.. (ps: la parola disinteresse è mondiale) Capisco che schiacciare il pulsantino On e Off tutti i giorni stanchi mentalmente, ma se non ci animiamo un pò tutti si collassa prima o poi… Animarsi, non schiamazzare di continuo e fare le resse per sapere di chi fosse figlio il ragazzo x, o la ragazza y come è successo ieri sera e come succederà per eventi di maggior portata.
Ragazzi che vergogna. Oramai tutti inceneriti dal gossip che noi vogliamo.. Si, perchè tutto ciò ci giustifica, ci culla e ci protegge dalle intemperie della coscienza; ma prima di tutto ci evita di confrontarci e di conoscerci..

A proposito: il documentario non l’ho visto…ma ho fatto le interviste: il problema che non ricordo cosa abbia detto la signora Craxi.

Alessandro Dionisi

Shot:

Citizen Berlusconi (Susan Gray)
Il Caimano (Nanni Moretti)
Re per una notte (Martin Scorsese)

brl2.jpg giornalisti1.jpg

Annunci

Una Risposta

  1. Ironico, scherzoso e dvertente… Bravi. Dall’aria siete gli “artistoidi” di sinistra che pensavo solo ai concerti e non ai problemi reali del paese. sia quando siete al governo che quando siete all’opposizione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: